Accetti i Cookies?

Salvini ha sdoganato l'ignoranza e mette a rischio le tasche degli italiani

Postato in Recensioni, Libretiva, SomMario, Programmi TV, Cucina, Cinema, Gossip, Spettacoli

Le sue fandonie saranno presto messe a nudo

Salvini ha sdoganato l'ignoranza e mette a rischio le tasche degli italiani

Certo che Salvini è proprio razzista e, a forza di dire spropositi, sollecita la pancia degli italiani a seguirlo arrivando a contraddire se stesso. Ha affermato a più riprese che non è contro gli stranieri che risiedono in Italia e hanno un lavoro regolare, eppoi, nella foga propagandistica, si rifiuta di ammettere che questi con i loro contributi (sono calcolabili intorno al 10% del totale della contribuzione) permettono nella stessa percentuale di pagare le pensioni degli italiani e accusa il presidente dell'INPS di far politica piuttosto che preoccuparsi di far funzionare l'istituto.

Ha proprio ragione chi dice che Salvini "ha sdoganata l'ignoranza" portandola al potere. Il nostro sistema pensionistico è un sistema a ripartizione, per cui il pensionato viene pagato con i contributi di chi attualmente lavora, così come i contributi versati a suo tempo dall'attuale pensionato, sono serviti a pagare i pensionati precedenti, pertanto il 10% versato oggi dai lavoratori migranti serve a coprire nella stessa misura le attuali pensioni.

Non passerà molto tempo e tutte le fandonie che lui e i suoi dicono sull'economia metteranno a nudo la loro inconsistenza, e la pericolosità delle loro ricette economiche a partire dalla flat tax. Il momento sarà quello della stesura del bilancio preventivo per il 2019 che dovrà essere varato entro la prima metà di ottobre. A quel punto le chiacchiere non avranno più valore, come succede invece all'osteria, perché i conti dovranno tornare e per fare la flat tax ed il reddito di cittadinanza non ci sono le coperture.

Sicuramente con la solita demagogia si dirà che è colpa dell'Europa. Anche sotto questo aspetto si gioca sull'ignoranza dei loro elettori. La ricchezza di un Paese è da ricondurre direttamente alla capacità del Paese che la produce e non ad altri soggetti, perchè tutti i Paesi che hanno aderito alla UE hanno una loro economia che è frutto delle scelte fatte al loro interno e se queste economie sono in crisi la colpa è dei singoli Stati.

L'Europa con le sue regole, sottoscritte da ogni singolo Paese, ha posto paletti per evitare che si verificassero sforamenti pericolosi nei bilanci per lo Stato che li produce e quindi i paletti sono a garanzia dello Stato stesso. Quando si fanno affermazioni roboanti annunciando che in Europa faremo la voce grossa, che batteremo i pugni sul tavolo, si prende in giro la gente, perchè la risposta sta nelle stesse regole che abbiamo sottoscritto e che la UE richiamerà per arginare le nostre richieste.

Sarebbe bene che il popolo della rete e i cittadini che si infiammano per i toni arroganti di Salvini, dandogli un credito che non dovrebbe avere, invece di fare i selfie con la star, pensassero alle loro famiglie e alle loro tasche, che sono a rischio per le insulse parole da osteria del premier Salvini.

Mario Balzano

Copyright © 2012 FB Comunicazione di Francesco Girolamo Balzano | Testata Giornalistica Online registrata presso Tribunale di Roma n.263/2012 | Partita Iva: 11915641002
Sito realizzato in HTML5 and CSS3 da microcreations.it

Privacy Policy

Cookie Policy

Console Debug Joomla!

Sessione

Informazioni profilo

Utilizzo memoria

Queries Database